Scoprendo il Web 2.0

Ma quanto è grande Facebook?

Posted in conoscenza, infografica, Uncategorized, web2.0 by Giuseppe Futia on aprile 5, 2009

Mark Ghuneim, fondatore e Ceo dell’incubatore tecnologico Wiredset e creatore del servizio di social media tracking Trendrr, racconta a Mashable il processo di evoluzione straordinaria che ha contraddistinto il web sociale in questi ultimi anni, attraverso una delle sue creature di maggior successo: Facebook.

“È straordinario pensare come fino a pochi anni fa Youtube non era nient’altro che uno  spazio dove pubblicare e condividere i video dei propri gatti, e la parola tweet era utilizzata soltanto per descrivere il verso degli uccelli. Oggi, i cambiamenti del web sociale sono in continua accelerazione, con nuove generazioni  di realtà imprenditoriali che si uniscono tra loro e nuove piattaforme che trasformano il nostro modo di comunicare. Solo in pochi, però, sono riusciti a catturare il numero di invidui e la quantità di attenzione che è  riuscito raccogliere un fenomeno come Facebook.

Tutto è cominciato  da un semplice luogo di socializzazione per studenti, per poi trasformarsi in un cross-generazionele, localizzato e agnostico luogo d’incontro che con un semplice click ci tiene uniti ai  nipoti più lontani così come agli amici più vicini.

All’interno del nostro lavoro, abbiamo unito insieme un certo numero di parametri che illustrano la crescita e la saturazione culturale di cui Facebook attualmente gode”.


Mentions of Facebook on Twitter



Facebook in the News



Popular Facebook Apps


Annunci
Tagged with: , ,

User Generated Content, qualche cifra da Nielsen

Posted in news, Uncategorized, web2.0 by Giuseppe Futia on marzo 8, 2009

via Pandemia

Tagged with:

Leggere del futuro

Posted in conoscenza, Uncategorized, web2.0 by Giuseppe Futia on marzo 4, 2009

Fede segnala alcuni testi indispensabili per capire il futuro, secondo gli organizzatori del progetto Venice Sessions partito il 27 novembre 2008 a Venezia.

Da una rapida occhiata, quelli che ho letto fin’ora sono i seguenti:

  • Long Tail, The, Revised and Updated Edition: Why the Future of Business is Selling Less of More (2008) Chris Anderson, Hyperion. In italiano La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati (2007)
  • Economia della felicità (2007) Luca de Biase, Feltrinelli
  • La Bibbia (solo in parte, ma non l’Apocalisse però/o\)
  • Wikinomics
  • Rivista Wired (tutti i numeri, inclusi gli arretrati) e Wired Italia (anche qui solo una parte, ma a differenza dell’Apocalisse la cosa mi preoccupa di meno)

Malgrado conosca la maggior parte di quei titoli, dal mio “profitto editoriale” credo che per me il futuro sia ancora lontano. Ma non demordo. E  rilancio ai miei lettori.

Wordle, beautiful word clouds

Posted in infografica, Uncategorized, web2.0 by Giuseppe Futia on febbraio 24, 2009

Oltre a un’immensa quantità d’informazioni, il web è in grado di offrire idee talvolta bizzarre su come visualizzare una tale vastità di contenuti. Wordle, espressione da cui non saprei discernere significati particolari, è un servizio che permette di tramutare un testo scritto in una vera e propria nuvola di parole, nella quale i termini ripetuti più spesso, come qualsiasi word cloud che si rispetti, sono visualizzati con dimensioni più generose.

Nonostante il servizio risulti alquanto curioso, sarebbe interessante effettuare dei paragoni tra testi che vertono sugli stessi argomenti. E su questa scia, TechCrunch ha raccolto le word clouds relative alle “Condizioni di utilizzo” dei maggiori servizi Web 2.0. Vediamo come è andata:

Facebook (Condizioni di utilizzo almeno fin ora)

Yahoo (Condizioni di utilizzo)

Digg (Condizioni di utilizzo)

Google (Condizioni di utilizzo)

Twitter (Condizioni di utilizzo)

MySpace (Condizioni di utilizzo)

YouTube (Condizioni di utilizzo)

Com’era prevedibile, sono tutti molto autoreferenziali.

Qui trovate ulteriori informazioni sul servizio.